martedì 21 luglio 2009

Se ti si rompe l'ipod


La Pociolla ha definitamente rotto l'ipod, allora ieri lo abbiamo portato in un negozio Icon per mandarlo in assistenza. Ci hanno spiegato che non ha importanza quello che si rompe: la Apple prende il tuo ipod rotto, salva quello che funziona e lo assembla su un Ipod nuovo. Costo dell'operazione: 141 euro. Costo di un Ipod nuovo di pacca col doppio dei tuoi giga: 139 euro.

Perchè mi sorge il sospetto che tale politica sia utile solo a spingerti a farti comprare un Ipod nuovo e a rinunciare a riparare il vecchio?

Seconda domanda: chi conosce a Roma qualcuno che ripari il nostro vecchio Ipod?

2 commenti:

Luc ha detto...

Non ho mai aperto un iPod ... ma da come è fatto e capendoci un pochino di elettronica ed informatica, la vedo dura che si possa aggiustare facilmente. a meno che la cosa che non funziona non sia proprio banale ...
la politica delle case per questo tipo di oggetti è sempre quella del "sostituisci" piuttosto che del "ripara".
I costi del riparare sono sicuramente maggiori, ammesso che si possa fisicamente fare la riparazione.
Sul fatto poi che ci "giobbino" (puro inglese de roma ...) non ci piove proprio !!
in questi casi dovrebbero attuare una politica di trade-in che favorisca un cliente acquisito (e forse fidelizzato), consentendogli di sostituire l'oggetto ad un prezzo agevolato.
Ma Apple, facendo conto sul "brand" se ne frega, e quindi in pratica il risultato è che te lo devi ricomprare. Ma non è che la Apple è l'unica ... anche gli altri fan così ...

pop ha detto...

Difficile trovare qualcuno che ti ripari a un prezzo taiwanese il piccolo gioiello Apple :(